San Secondo Parmense

Cc, lavoro nero in 8 aziende reggiane

Ammende per oltre 700.000 euro, sanzioni amministrative per 88.000 euro e il sequestro preventivo di un opificio tessile per violazioni sulla sicurezza. Questo il bilancio di una serie di controlli compiuti dai Carabinieri in 8 aziende tessili del Reggiano gestite da cittadini cinesi nessuna delle quali è risultata in regola avendo tutte dipendenti 'in nero'. In un caso al lavoro c'erano 8 dipendenti 'in nero' tutti clandestini: circostanza che ha visto i militari denunciare il titolare - un 42enne cinese residente in provincia di Firenze - alla Procura per il reato di occupazione di manodopera clandestina. Nel complesso i controlli svolti negli 8 opifici tessili, hanno permesso di rinvenire 19 lavoratori in nero, tra cui 9 clandestini; hanno visto comminate ammende per oltre 700.000 euro e sanzioni amministrative per 88.000 euro, un'azienda sottoposta a sequestro preventivo per violazioni sulla sicurezza e 6 aziende a cui è stata sospesa l'attività per l'impiego in nero della forza lavoro.

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie